Bonus gite scolastiche 2024: ecco chi può ottenerlo

Pubblicato mar 16 gennaio 2024 17:12:04

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha stanziato 50 milioni di euro, con l’intento di consentire a più studenti di unirsi ai propri compagni di classe nei viaggi di istruzione nella seconda parte dell’anno scolastico 2023/24. La misura è stata introdotta lo scorso anno dopo che un'indagine di Skuola net ha dimostrato che 1 studente su 10 non ha potuto partecipare ai viaggi di istruzione ed il 30 per cento dei rinunciatari era appartenente a nuclei familiari con capacità economiche minori.

Visto il perdurare della crisi economica, dunque, Il Mim ha prorogato la misura di aiuto anche quest'anno.

Chi ha diritto al Bonus?

Il bonus è attualmente destinato soltanto agli studenti iscritti nelle scuole secondarie statali, sia medie che superiori.

L’agevolazione sarà concessa esclusivamente alle famiglie appartenenti a un nucleo con un ISEE non superiore ai 5.000 euro.

Come fare domanda

Le famiglie idonee possono accedere alla piattaforma Unica del MIM dal 15 gennaio al 15 febbraio 2024 per compilare e inviare la domanda online. In alternativa, possono richiedere assistenza alla segreteria della propria scuola.

Il sistema verifica automaticamente l’ISEE attraverso un collegamento con il portale dell’INPS. Se il controllo dell’ISEE conferma l’idoneità, verrà autorizzato il pagamento del bonus.

Successivamente, le famiglie dovranno attendere la comunicazione dell’importo esatto del bonus che sarà assegnato. La somma riconosciuta varia in base al numero totale di richieste ricevute e alla situazione economica specifica di ciascuna famiglia, con un limite massimo di 150 euro per studente. La priorità verrà data ai nuclei familiari in condizioni di maggiore svantaggio economico, assicurando che il supporto finanziario raggiunga coloro che ne hanno maggiormente bisogno.

Come viene erogato il bonus

Il bonus per le gite scolastiche si traduce in uno sconto sulla quota prevista per i viaggi di medio-lungo periodo, nonché per le uscite didattiche giornaliere. Questo sconto viene applicato direttamente dalla scuola di appartenenza, permettendo alle famiglie di coprire solo una parte del costo totale della gita, con il resto finanziato dallo Stato.

Interessante è anche la possibilità di applicare la misura in modo retroattivo, consentendo un rimborso (totale o parziale) per le spese già sostenute nella prima parte dell’anno scolastico per esperienze già effettuate. Inoltre, se una famiglia ha più di un figlio, il bonus può essere cumulativo.

Pubblicato in: gite scolastiche, MIUR

Leggi anche

autobus bicicletta borghi camper crociere ecoturismo enogastronomia eventi ferrovie gite scolastiche itinerari mare outdoor progetti Sport trekking turismo

Capitale italiana della cultura 2025: ecco le 15 candidate

Grandi città o piccoli borghi desiderosi di mettere in mostra per un anno i propri caratteri originali e i fattori che ne determinano lo sviluppo culturale, come motore di crescita dell’intera comunità. È stato pubblicato l’elenco delle 15 le città italiane...
Leggi tutto