Festival di Film di Villa Medici: 14 film in concorso da tutto il mondo

Pubblicato gio 25 agosto 2022 10:47:41

Artisti, registi e pensatori da tutto il mondo si incontrano per celebrare la vitalità delle pratiche cinematografiche contemporanee attraverso una selezione di proposte – film d’autore, cinema d'essai, fiction o documentari – accomunate dal tratto distintivo dell'originalità del discorso o della forma.

Appuntamento a Roma da mercoledì 14 a domenica 18 settembre 2022 per la seconda edizione del Festival di Film di Villa Medici. Nel corso della rassegna saranno presentati quattordici film in competizione internazionale, tra cui 2 produzioni presentate in prima mondiale e 9 prime italiane.

Filo rosso che lega le opere di quest’anno sarà la narrazione, intima o politica, in un movimento riflessivo che mette in discussione la materia stessa dell’arte prodotta da artisti e registi contemporanei. Ciascuna delle opere in gara sovverte a suo modo i codici di un'epoca in cui lo storytelling è nella migliore delle ipotesi uno strumento di lavoro e nella peggiore dei casi un'arma da guerra sostituendo ad esempio il racconto dei vincitori con quello dei vinti e allargando lo sguardo a culture e Paesi esclusi dai circuiti mainstream dell’industria cinematografica.

Film in concorso: sguardi sull’altro e sull'altrove

In MOUNE Ô (2022, Guyana, Francia, Belgio) di Maxime Jean-Baptiste – prima italiana – le comparse di un film sulla colonizzazione della Guyana rivendicano l’immagine del loro popolo assente dall'immaginario francese; prima italiana anche per MANGROVE SCHOOL (2022, Francia, Portogallo, Guinea Bissau) di Filipa César e Sónia Vaz Borges, in cui gli scolari guerriglieri sistemano quaderni e matite tra le mangrovie della
Guinea-Bissau.

Personaggi assenti dalle rappresentazioni del Novecento irrompono gioiosamente nel nostro secolo, sfrenati, orgogliosi e con una smorfia sul viso. Come la strana figura, senza sesso né età identificabili, che impersona l’artista guatemalteco maya Edgar Calel in XAR - SUEÑO DE OBSIDIANA (2022, Brasile), scritto insieme a Fernando Pereira dos Santos: un essere la cui potenza originale fa esplodere qualsiasi cosa attraversi, tanto lo spazio quanto il tempo. Un misticismo politico su cui lavora anche l’artista libanese Ali Cherri con LE BARRAGE (2022, Francia, Sudan, Libano, Germania, Serbia, Qatar), la sua favola di resistenza girata nel Sudan in guerra, in prima italiana.

Questa ricerca di un'altra narrazione avviene spesso attraverso il ritratto degli Antichi, in una filiazione che i film mettono in discussione. Sparite le “memorie dei nostri padri” al loro posto ci sono le nonne, protagoniste della trasmissione al centro di KICKING THE CLOUDS (2021, Stati Uniti), prima italiana dell’opera del cineasta indiano d’America Sky Hopinka, e di INTO THE VIOLET BELLY (2022, Belgio, Germania, Islanda, Malta), anteprima mondiale dell'opera dell’artista tedesca di origine vietnamita Thùy-Hân Nguyễn-Chí, rivelazione dell'ultima Biennale di Berlino.

Questi antenati, ai cui film si richiamano, sono anche gli artisti che li ispirano. In À VENDREDI, ROBINSON (2022, Francia, Svizzera, Iran, Libano), Mitra Farahani, con il suo talento nell'ammansire le anime selvagge, riunisce Ebrahim Golestan e Jean-Luc Godard in una favola inaspettata in cui è difficile dire chi sia più serio o più malizioso.
Éric Baudelaire raccoglie la parola del compositore d’avanguardia Alvin Curran contestualizzandola nella Roma delle Brigate Rosse in WHEN THERE IS NO MORE MUSIC TO WRITE, AND OTHER ROMAN STORIES (2022, Francia, Italia), presentato per la prima volta in Italia.

Dopo L'estate di Giacomo e I tempi felici verranno presto, Alessandro Comodin continua a lavorare sul territorio del suo paese al confine tra Friuli e Veneto, con il ritratto di un poliziotto sognatore e strampalato, GIGI LA LEGGE (2022, Italia, Francia, Belgio) – in prima italiana – suo zio, che sfata i luoghi comuni più duri a morire sul Nord e il Sud dell'Italia.

Altro territorio assurdo e familiare nel secondo lungometraggio di Tyler Taormina – presentato per la prima volta in Italia – HAPPER’S COMET (2022, Stati Uniti), ritratto notturno dai roni "lynchiani" della classe media di una città di medie dimensioni, che condivide i segreti silenziosi di coloro che il cinema non riprende mai.

Con SAINT OMER (2022, Francia), la sua prima fiction, la documentarista Alice Diop mette in scena la storia di una madre infanticida. Questo andirivieni tra parlare e sentire rivelerà le ferite politiche della società francese.

Il cinema pensa l’inascoltabile, ma anche l’inguardabile. In DE HUMANI CORPORIS FABRICA (2022, Francia) – presentato in prima italiana – Véréna Paravel e Lucien Castaing-Taylor (Léviathan, Caniba) penetrano all'interno del corpo umano con le nuove telecamere che i medici usano per gli interventi chirurgici o le diagnosi. Tra sacro e volgare, gli organi e gli stati convocati – l’occhio, il sesso, il cuore, il cervello, l’oblio, la morte, la nascita – creano vere e proprie deflagrazioni metafisiche.

Infine, raccontare l’irraccontabile, è il compito doloroso che si è dato la scrittrice siriana Samar Yazbek, di cui il nuovo film di Rania Stephan, LE CHAMP DES MOTS (2022, Libano) – presentato in prima mondiale – fa un indimenticabile ritratto, quello di un essere la cui umanità è irrimediabilmente ferita.

THE DEMANDS OF ORDINARY DEVOTION (2022, Italia), il titolo del film di Eva Giolo – in prima visione italiana – potrebbe riassumere da solo la domanda che anima i film della competizione internazionale 2022. Come abitare il nostro mondo malato? La giovane artista belga risponde con un inventario di gesti di cura, quelli che ci inseriscono ogni giorno nel tempo della vita e della creazione.

Le premiazioni Sabato 17 settembre

Le proiezioni dei film in concorso saranno seguite da incontri con i registi presenti a Villa Medici e saranno completate da una programmazione parallela, Focus, che invita a scoprire film di artisti fuori concorso, masterclass e incontri. Infine, ogni sera, il pubblico del festival si riunirà sul Piazzale, davanti alla facciata storica e ai giardini di Villa Medici, per proiezioni all'aperto di film recenti, tra cui numerose anteprime, ma anche classici del cinema in versione restaurata.

La giuria, composta da Marie Losier, Pietro Marcello e Sylvain Prudhomme, svelerà il suo palmarès durante la grande serata di Sabato 17 settembre. La giuria assegnerà due premi: il Premio Villa Medici per il miglior film e il Premio della Giuria per un film originale particolarmente apprezzato dai giurati. Questi premi, che prevedono compensi in denaro, offriranno l’opportunità ai due autori o alle autrici di essere ospiti in residenza presso Villa Medici.

 

Pubblicato in: eventi

Leggi anche

autobus bicicletta borghi camper crociere ecoturismo enogastronomia eventi ferrovie gite scolastiche itinerari mare outdoor progetti trekking turismo

Pesaro sarà la Capitale italiana della Cultura 2024

"La città di Pesaro offre al Paese una eccellente candidatura basata su un progetto culturale che, valorizzando un territorio già straordinariamente ricco di testimonianze storiche e preziosità paesaggistico-ambientali, propone azioni concrete attraverso le quali favorire anche...
Leggi tutto