Gite scolastiche: in aumento gli studenti che non vogliono partire

Pubblicato ven 2 febbraio 2018 16:27:46

Il portale Skuola.net ha promosso una ricerca tra oltre 7mila studenti di scuole medie e superiori per fare il punto sullo stato di salute dei viaggi di istruzione nel nostro Paese, le mete e i mezzi di spostamento preferiti. Significativo il fatto che meno della metà del bacino degli interpellati, il 42%, dice che partirà (quasi su 2 su 3 lo faranno nei mesi di marzo e aprile). A cui va aggiunto un 3% che la gita l’ha già svolta. Il resto dei ragazzi rimarrà a casa. 

Nel gruppo di quanti hanno dovuto rinunciare al viaggio di istruzione, risulta predominante il ‘fattore docenti’: in 1 caso su 4 (25%) sono infatti i prof a far saltare la gita, rifiutandosi di accompagnare le classi. Nel 10% dei casi, invece, ci sono questioni disciplinari alla base dello stop alle partenze. Un altro 9% di studenti, invece, pur avendo avuto il via libera da parte della scuola, non parteciperà lo stesso al viaggio. Per una fetta consistente di loro (il 28%) tale scelta è dovuta alle difficoltà economiche della famiglia, che non può permettersi di pagare la quota del figlio. Ma sono ancora di più quelli che hanno preso questa decisione in maniera spontanea: il 30% non ha piacere a stare insieme ai compagni di classe. Tra le altre cause: la mancanza di fiducia da parte dei genitori (6%) e il timore di attentati (3%).

Per quanto riguarda le destinazioni preferite, l’Italia rimane la destinazione privilegiata, soprattutto dalle scuole medie: nel complesso, il 57% ha puntato una località del nostro Paese (l’80% nel caso delle secondarie inferiori). Tra le città Firenze è saldamente in vetta (12%), seguita da Napoli (10%) e Roma (8%). Chiudono il podio Palermo (6%), Torino e Trieste (entrambe al 5%). Molto richieste anche le località sciistiche (6%).
Il 43% degli studenti in partenza varcherà i confini nazionali. Nel caso delle visite d’istruzione troviamo un gruppo di sei città che sostanzialmente si dividono equamente le preferenze: Berlino, Londra, Praga, Atene, Vienna e Budapest sono al 6%. Subito dietro Madrid, Barcellona e Amsterdam (4%). Nella top ten entrano anche Parigi e Berlino (3%). 

In cima alle opzioni per quanto riguarda i mezzi di trasporto, il pullman (47%). Le compagnie aeree low cost (19%) rimangono l’alternativa (soprattutto se la gita è all’estero). Gli aerei di linea (15%) sono la terza strada percorsa. I treni (14%) continuano a non far breccia nel cuore delle scolaresche.

Pubblicato in: analisi, gite scolastiche

Leggi anche

Gita Sicura: ecco i consigli di Polizia Stradale ed ANAV per garantire ai nostri ragazzi un viaggio tranquillo

Con la stagione delle gite in pieno svolgimento, è indispensabile non perdere di vista la sicurezza. Ecco un breve vademecum, elaborato da Polizia di Stato e ANAV, rivolto a scuole, genitori e aziende di trasporto per garantire il più possibile l’incolumità degli studenti...
Leggi tutto


Youtube


Spot ANAV sicurezza 10 e lode


Iscriviti alla Newsletter!

Anav, associazione nazionale autotrasporto viaggiatori

In collaborazione con

Con il patrocinio di

Argomenti

analisi anav anav e scuola anfia autobus blog bus bus discoteca citytech controlli curiosità daimler documento educazione stradale ford fs gite pericolose gite scolastiche mercato mercedes-benz MIUR newsletter polizia pullman scuolabus setra sicurezza stradale statistiche tecnica trasporti Trasporto scolastico trasporto scolastico sicuro turismo